Crema fai da te antismagliature per la gravidanza

7 marzo 2017 CURA DEL CORPO, GRAVIDANZA E BEBÉ

Sono felice di condividere con te la ricetta della crema antismagliature che ho usato in questi nove mesi, fin da quando il mio pancione non era ancora visibile.
L’ho spalmata tutti i giorni, mattina e sera, alternandola all’applicazione di olio di mandorle puro o burro di karitè puro.
Ne basta una noce ad applicazione da stendere con delicatezza fino al completo assorbimento. Puoi usarla anche sul décolleté, sulla parte bassa della schiena e sulla zona dei glutei-cosce… insomma i punti più critici.


Cosa serve

per 100 ml di crema

Burro di karitè 50 g
Olio di germe di grano 16 ml
Olio d’Inca Inchi 16 ml
Olio di rosa musqueta 10 ml
Olio di avocado 8 ml
vitamina E (Tocoferolo) 4 gocce
questo ingrediente non è obbligatorio, ma aggiungerà proprietà alla formula e aiuterà il prodotto a non ossidare.

Se ti mancasse qualche ingrediente e non ritenessi utile comprarlo, in alternativa puoi usare un altro olio vegetale (jojoba, riso, macadamia, cocco, albicocca …). Ricorda però che questa ricetta è stata studiata in base alle differenti densità degli oli che la compongono. Una crema ben formulata infatti dovrebbe contenere un olio leggerissimo, uno leggero, uno medio, uno pesante o meglio un burro. Gli oli consigliati inoltre sono stati scelti tra quelli con le maggiori proprietà nutrienti e riparatrici.


Cos'è la Vitamina E?

Il Tocoferolo è una
vitamina di derivazione naturale che si può acquistare in farmacia, in erboristeria o su siti web specializzati (il costo si aggira sui 4,5/6€ x 25 ml). La sua caratteristica peculiare è quella di essere un antiossidante. In dosi pari allo 0,25% evita
l'irrancidimento della miscela cosmetica. In dosi pari all'1-3% diventa anche un ottimo antiossidante per la pelle.

Igiene e conservazione

Le creme autoprodotte si conservano per circa 6 mesi. Ricorda qualche norma importante per preservarne la qualità e la durata. Sarebbe indicato non mescolare mai utensili ad uso culinario con quelli adibiti alle preparazioni cosmetiche. Se questo non fosse possibile sterilizza i vasetti ed eventuali attrezzi prima dell'uso. La preparazione non deve entrare in contatto con acqua: vasetti, ingredienti e utensili devono essere usati sempre asciutti per evitare la formazione di muffe. Conserva la crema in luogo fresco e asciutto lontano da luce solare o fonti di calore.

In una donna incinta le aree più a rischio smagliature sono quelle in cui la cute è sottoposta a una tensione repentina e molto intensa, che non sempre la pelle riesce a sostenere: addome e seno.
Questi segni sono una vera e propria infiammazione del tessuto elastico e possono comparire anche al di fuori della gravidanza, quando ad esempio si aumenta rapidamente di peso o quando si cresce in pochissimo tempo.
Oltre a una corretta alimentazione, all’idratazione e all’attività fisica regolare, ci sono delle strategie utili e naturali per contrastare la comparsa di smagliature e mantenere un buon stato di salute della pelle anche in gravidanza. Una di queste è l’utilizzo costante di una valida crema antismagliature.

crema-antismagliature

Procedimento

Davvero semplice, in pochi minuti otterrai la tua crema ma prima leggi a fianco i consigli di igiene e conservazione!

Sciogli a bagno maria il burro di karitè. Per farlo riempi un pentolino con circa tre dita d’acqua e appoggiaci sopra un altro pentolino (o una ciotola) che contenga il burro. Quando il contenuto comincia a sciogliersi spegni il fuoco e mescola dolcemente finché questo diventa un olio senza scaldarlo troppo.

Aggiungi di seguito tutti gli altri ingredienti che di volta in volta avrai pesato e mescola bene.
Trasferisci quindi il prodotto in un vasetto pulito, chiudi il coperchio. Dopo circa 24h il prodotto avrà raggiunto la consistenza di una crema facilmente spalmabile. Per accelerare questo processo puoi lasciare il contenitore chiuso in frigo per qualche giorno. Conservalo poi come indicato a lato.

Seguimi su facebook per scoprire tanti altri consigli sull’autoproduzione!

Potrebbe interessarti anche

Commenta per primo!

    Lascia un commento